fbpx

Addio ai pagamenti degli stipendi in contanti, arriva la norma salva contratti.

Grazie alla nuova legge di Bilancio per il 2018, a partire dal 1° luglio, tutti i datori di lavoro non potranno più corrispondere lo stipendio a propri dipendenti, a prescindere dalla somma, in denaro contanto.

La nuova norma, prevista per evitare le finte buste paga e rapporti lavorativi fiscalmente poco chiari, stabilisce dunque che il pagamento dello stipendio sia versato attraverso modalità tracciabili, tramite banca o ufficio postale, con uno dei seguenti mezzi:

  • bonifico sul conto identificato dal codice Iban indicato dal lavoratore;
  • strumenti di pagamento elettronico;
  • pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  • emissione di un assegno (bancario o circolare) consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato il quale può essere il coniuge, il convivente o un familiare (in linea retta o collaterale) del lavoratore, purché di età non inferiore a sedici anni.

Da questo momento, pertanto, la firma apposta sulla busta paga non costituisce più prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione.

La nuova restrizione sembrerebbe applicarsi a tutti i lavoratori dipendenti subordinati e parasubordinati. Quindi anche alle collaborazioni coordinate e continuative, ai contratti di lavoro instaurati in qualsiasi forma dalle cooperative con i propri soci.

Restano fuori, almeno per il momento, i rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni e ai servizi domestici come colf e badanti.

Desideri maggiori informazioni o vuoi ricevere una consulenza gratuita dal nostro consulente del lavoro?

Contattaci ora! 

Share This